L’affascinante contributo di racconti, di narrazioni affrescate da imagos offerto alla Pedagogia Clinica, è giunto a seguito della formazione sull’utilizzo delle Immagini Mentali in psicoterapia seguita da Guido Pesci nel 1978 presso l’Istituto di Indagini Psicologiche di Milano e condotta da Giammario Balzarini. Proprio perché si trattava di una formazione orientata alla psicoterapia si necessitava di adattarla ai fini educativi, un compito non facile per i colleghi del Movimento dei Pedagogisti Clinici che dovettero iniziare una ricerca e una sperimentazione assai complessa, condotta da un gruppo di professionisti di diversa formazione. La ricerca rispetto al mondo simbolico riuscì a dimostrare, con diverse attenzioni nell’utilizzo di questa risorsa, il potenziamento che poteva trarne l’opera educativa del Pedagogista Clinico® avvalendosi di racconti da vivere con la fantasia immaginativa, rivolti a promuovere nella persona stati di piacere e di benessere. Si è trattato di predisporre e verificare diversi racconti che potevano introdurre nel mondo simbolico e aiutarla a ritrovare la volontà, la determinazione e il desiderio di vivere la vita con entusiasmo, facilitare l’affermazione progressiva di sé. Modalità e principi che più tardi si sono composti nel metodo PictureFantasmagory®. Contemporaneamente la ricerca ha individuato e provata la validità di altre modalità educative per convogliare le immagini mentali ed i narrati, al fine di offrire orientamenti propositivi per affrontare con successo le sfide della vita. Sollecitazioni adatte a sostare sul principio che immaginare qualcosa è prepararsi ad essa, messaggi le cui influenze aiutano la persona ad alimentare volontà e desideri, ritrovare il senso di fiducia, orientarsi verso nuovi stati di certezza e sicurezza. Il metodo ha così assunto un proprio nome e un proprio marchio: ClinicMentalPicture®.
Due metodi, questi, che ben dimostrano nella quotidianità dell’azione del Pedagogista Clinico® quanto la ricchezza del mondo simbolico sia capace di accrescere ogni sovranità della persona.

error: Contenuto protetto !!